Lombardi porta la Pizza negli USA

Instabile e poco incline alla routine. Così ce lo ricordano il padre fondatore della tradizione della Pizzeria Lombardi. Quel tale Errico che sposò Concetta Scialò nel 1887  all’età di 25 anni e che ebbe a cambiare continuamente luogo, ma mai il mestiere. Fu anche per questo che decise di emigrare in America nel 1902 con tanta passione e speranza, quella speranza che gli faceva credere che anche li, dall’altra parte del mondo avrebbero apprezzato quello strano piatto, semplice e popolare. Povero, con solo acqua e farina e magari un pò di pomo d’oro. La storia la conosciamo tutti. La diffusione della Pizza negli USA non fu immediata ed il dopoguerra, con il ritorno degli alleati americani nella loro terra contribuì realmente alla diffusione della Pizza negli USA.

Errico Lombardi però fu il primo oppure uno dei primi a portare la Pizza Napoletana negli Stati Uniti D’America. La storia racconta di un fratello, di nome Antonio, che conduceva già nel 1892 una pizzeria alla via Genova 23 di Napoli. In realtà la pizzeria era intestata a Pepillo Concetta, di anni 23, maritata ad Antonio Lombardi fu Tommaso. Consultati i registri dello stato civile si scopre che i due si erano sposati il 16 gennaio 1892 e che il domicilio dei Lombardi era proprio via Genova 23, mentre la Pepillo abitava in via Antonio Villari 68. E’ evidente che conducevano la pizzeria insieme, probabilmente da alcuni anni se all’atto del matrimonio dichiararono che circa due anni prima avevano avuto un bambino chiamato Tommaso, e che lo legittimavano e lo rinominavano in questo atto, in cui il defunto padre, Tommaso, viene qualificato, invece che industriante, stagnaro. Di questa parte della nostra famiglia abbiamo perso purtroppo le tracce. Le storie di famiglia raccontano di una emigrazione anche loro verso New York.

E’ da questo che nasce la storia poi della prima pizzeria Napoletana a New York ed in generale il primo ristorante italiano negli Stati Uniti D’America. Dopo un lungo lavoro di ricerca, che continua nell’altra parte dell’Atlantico, siamo riusciti a corrispondere con la nuova proprietà una linea comune ed un riavvicinamento storico che ci consente oggi di sviluppare politiche di riavvicinamento alla storica pizzeria di New York.